Posts

L’inganno demagogico del “Tutto a tutti”. Parlando di FIR con un'azionista di Veneto Banca

Torno, come promesso, sul Fondo indennizzo risparmiatori (FIR). Ho ricevuto una nuova lettera da Maria Teresa Roda, azionista di Veneto Banca che segue da mesi in prima persona le lunghe e travagliate vicende delle banche venete. La sua prima lettera, del dicembre 2017, prendeva spunto dalla Commissione d’inchiesta sulle banche. Ora la prof.ssa Roda mi ha inviato alcune sue riflessioni sul FIR: come ci si è arrivati, a che cosa porterà.

Audizioni Consob ed esperti su Carige: tesoro, mi si sono ristretti i mercati

Ieri si sono tenute due audizioni davanti alle Commissioni finanze congiunte: alle 9:00 hanno parlato i vertici dela Consob, la presidente pro tempore Anna Genovese e il direttore generale Angelo Apponi. Alle 13 è stata la volta di un panel di esperti composto da Paola Schwizer, Valerio Pesic e Marina Brogi (professori del mio settore, quello di Economia degli intermediari finanziari), Aldo Angelo Dolmetta e Giuseppe Guizzi (professori di diritto commerciale, il primo è attualmente giudice presso la Corte di cassazione).

Panetta (Banca d'Italia) su Carige: uscire dalla crisi al nostro passo, un passo alla volta

Mercoledì 23 gennaio davanti alle Commissioni finanze congiunte di Camera e Senato la Banca d’Italia ha relazionato su Banca Carige per voce del suo vice-direttore generale Fabio Panetta (presenti anche i vertici della Vigilanza con Carmelo Barbagallo, Ciro Vacca e Gian Luca Trequattrini). Il documento presentato, disponibile qui, è più conciso e discorsivo rispetto a quelli presentati nel novembre-dicembre 2017 alla Commissione d’inchiesta sulle banche per i dossier esaminati in quella sede (quattro banche, MPS, popolari venete).

Sfida a Newton: come cedere NPL senza abbattere il CET1 ratio

Pull yourself up by your bootstraps, sollevarsi da terra tirando su i lacci delle scarpe. Chiaramente impossibile nel mondo fisico. Eppure viene la tentazione di provarci. Figuriamoci nel mondo dell’economia e della finanza dove le cose da "tirare su" sono valori sfuggenti e impalpabili. Il decretone che fa partire reddito di cittadinanza e pensioni a quota 100 è l’ultima grande promessa di autogenerare domanda, occupazione e crescita economica. Di queste cose non mi occupo, semmai mi preoccupo, così come della recessione tecnica rilevata ieri dalla Banca d’Italia: riuscirà l’effetto bootstrap a sconfiggerla?

Carige: audizione di Tria, aria di tregua

Giovedì 17 gennaio alle 13:30 (con un anticipo di mezz’ora) il ministro Tria ha fatto il punto su Carige in audizione nelle Commissioni riiunite finanze di Camera e Senato. Poche ore dopo il Consiglio dei ministri avrebbe approvato gli storici provvedimenti su reddito di cittadinanza e quota 100. Ha condotto l’audizione la presidente della Comissione della Camera Carla Ruocco. Trovate qui il video. Presento una sorta di verbale sommario, con alcune riflessioni conclusive sul clima nel quale governo e opposizioni stanno affrontando la questione bancaria.

Scoppia il caso FIR

Ricordo Andrea Augello, senatore nella XVII legislatura, tra gli "inquisitori" più puntuti della Commissione banche. Tra le altre cose, fece richiesta di depositare in Procura gli atti delle audizioni di Banca d’Italia e Consob per far verificare dai p.m. eventuali ipotesi di reato da contestare ai supervisori. Per questo suo eccesso di zelo, si racconta, non è stato riconfermato nelle liste di Forza Italia alle politiche di marzo. Ora si prepara alle prossime europee dopo che il 9 dicembre 2018 il suo movimento Cuori Italiani ha aderito a Fratelli d’Italia con l’obiettivo di dare vita a un unico movimento conservatore e sovranista alternativo alla Lega.

La marcia di avvicinamento di Carige

Amici, oggi torno a scrivere. Ho preso una pausa durata tutto il 2018. Non è stata una scelta voluta, piuttosto un disorientamento che mi ha preso seguendo lavori della Commissione d’inchiesta sulle banche, ed è poi peggiorato dalla campagna elettorale in avanti, con le mosse dell’inedito governo giallo-verde, lo spread e tutto il resto. Faticavo a trovare il bandolo della matassa bancaria, il massimo che sono riuscito a fare è registrare su Twitter il giorno per giorno, con telegrafici commenti.

Crisi bancarie: capri e anacapri espiatori

Chiudevo così il mio recente trattatello di bancologia morale (tale era il post su peccati e peccatori): Cerchiamo almeno di capire che cosa è successo veramente. Di chi è la colpa? Servono tempo e saggezza in grande quantità per emettere un giudizio. Mi limito per ora a ribadire: il soggetto colpevole è un collettivo. Non era ancora asciugato l’inchiostro digitale di questa frase, e già mi raggiungeva una salva di fragorose pernacchie: «Sanatoria, amnistia, giubileo, basta con questo ciarpame buonista!

Commissione banche: l'audizione di Ignazio Angeloni

Resoconto quasi stenografico delle domande successive alla relazione Note questo resoconto grezzo e sintetico si basa su appunti presi in collegamento streaming con qualche interruzione. Alcuni passaggi possono essere omessi o riportati parzialmente. Note Non ho trovato il testo della relazione letta prima dell’audizione. Marino Rapporto tra stabilità e trasparenza? L’informazione corretta non è mai destabilizzante, ma nel breve periodo si possono creare delle situazioni destabilizzanti, nelle quali ci può essere l’opportunità di un controllo della diffusione dell’informazione sul mercato.

Commissione banche: l'audizione di Federico Ghizzoni

Resoconto quasi stenografico dell’audizione Note questo resoconto grezzo e sintetico si basa su appunti presi in collegamento streaming con qualche interruzione. Alcuni passaggi possono essere omessi o riportati parzialmente. Casini Audizione richiesta da membri di gruppi parlamentari. Volevo far domande ma il dott. Ghizzoni mi ha spiazzato preparando un cronoprogramma Ghizzoni 1 settembre 2014, Marina Natale (resp M&A) contattata da Mediobanca (advisor di Etruria) per eventuale acquisizione.